Scarica l’App e diventa farmacologo

Scarica l’App e diventa farmacologo

1. E tu, ti sei fatto validare?

2. Invecchiare fin da giovani

3. Tressette col gene

4. Ad ogni malattia il suo topo

5. Scarica l’app e diventa farmacologo

6. Primo, non nuocere

7. Una questione di ciambelle

8. Non è tutto oro

9. La madre degli imbecilli

10.La sperimentazione animale e l’umana stupidità

Nota: Puoi trovare l’intera serie di questi articoli raccolti in un unico file scaricabile nella pagina Free eBooks.

La ricerca di nuovi potenziali farmaci è relativamente rapida, perché viene fatta al computer con programmi in grado di simulare le complesse reazioni chimiche tra la molecola studiata e le molecole dell’organismo coinvolte nella malattia. Questi programmi sono quindi in grado di individuare quelle sostanze che possono in qualche modo “bloccare” la biochimica della malattia, selezionando i potenziali farmaci tra centinaia, o anche migliaia di molecole. La reale efficacia di quelle identificate in questo modo (e solo di quelle!) può poi essere verificata su cellule coltivate in laboratorio, come già fatto per la rapamicina.

FightAIDS HOMEPochi sanno che è possibile partecipare da casa a questa fase della ricerca scientifica. La storia merita una digressione anche se bisogna partire da lontano e da una disciplina totalmente diversa: l’astronomia. In particolare dall’ambizioso progetto dell’università di Berkeley volto ad individuare segnali radio provenienti da civiltà extraterrestri: il SETI, ovvero Search for ExtraTerrestrial Intelligence. Era il 1998 quando David Anderson e Dan Werthimer proposero un’idea innovativa per elaborare l’enorme massa di dati raccolti dal radiotelescopio di Arecibo10.

L’Università di Berkeley, infatti, non poteva permettersi di pagare per questo progetto i costosi supercomputer in grado di elaborare i dati abbastanza rapidamente. Anderson e Werthimer proposero di scomporre il lavoro in tante piccole porzioni, e di “reclutare” i pc di privati cittadini che, grazie a uno screen-saver, potevano mettere a disposizione i tempi morti dei loro elaboratori domestici per portare avanti il progetto; elaboratori poco potenti, certo, ma molto numerosi. L’anno dopo, nel 1999, nacque il SETI@Home, ma era solo l’inizio: Anderson e Werthimer avevano scoperchiato il vaso di pandora.

Ad oggi il progetto originale è diventato parte di un sistema di calcolo distribuito chiamato BOINC (Berkeley Open Infrastructure for Network Computing) che supporta decine di progetti diversi. Nel momento in cui scrivo questo articolo, il BOINC, nel suo complesso, ha una capacità di elaborazione stimata in poco meno di 25 PetaFLOPS11. Se non sapete quanto vale un PetaFLOPS, vi basti sapere che il più potente supercomputer del mondo, entrato in funzione a giugno 2013, ha una potenza di 34 PetaFLOPS12, appena un terzo in più del BOINC, che però è destinato a crescere continuamente, mano a mano che nuovi pc, sempre più numerosi e potenti, si aggiungono al progetto.

Tra i tanti progetti che fanno parte del grosso contenitore BOINC troviamo anche diversi progetti in campo medico, tra i quali, ad esempio, FightAIDS@home, dedicato alla ricerca via software di molecole potenzialmente in grado di bloccare il virus HIV. Non è l’unico progetto di questo tipo. Per partecipare, dovete anzitutto scaricare il software BOINC dal sito dedicato, poi collegarvi al progetto, o ai progetti, che più vi interessano. In questo modo potrete contribuire alla ricerca farmacologica e non solo a quella. Ce n’è per tutti i gusti.

Una volta individuate via computer altre molecole potenzialmente utili, restano alcune importanti domande, alle quali né le simulazioni al computer, né i test su cellule coltivate in laboratorio possono dare una risposta. Anzitutto non è scontato che il miglioramento visto nelle cellule corrisponda a un miglioramento dei sintomi della malattia. Forse ciò che si vede sulle cellule, separate dall’organismo di cui fanno parte, è solo un aspetto secondario.

Inoltre il farmaco potrebbe non raggiungere un numero di cellule sufficiente a migliorare la qualità della vita di un malato.

Infine, il farmaco potrebbe interferire con qualche altra funzione biochimica non nota dell’organismo, quindi non prevedibile.

È possibile dare una risposta, almeno parziale, a queste importanti domande prima di iniziare la sperimentazione sull’uomo?

La risposta è sì, specialmente per la più insidiosa delle tre: l’ultima.

Però bisogna ritornare sugli animali.

§

10. SETI@home; Millions together, searching for a signal from the starshttp://www.planetary.org/explore/projects/seti/seti-at-home.html

11. Statistiche del progetto BOINC – http://www.allprojectstats.com/po.php?projekt=0

12. FLOPS records, wikipedia – http://en.wikipedia.org/wiki/FLOPS#Records

§

Informazioni su WorldsOutsideReality

«Hold faithfulness and sincerity as first principles. Have no friends not equal to yourself. When you feel you have faults, do not hesitate to correct yourself.» (Confucius; Analects, 9.25)

Pubblicato il 1 dicembre 2013, in Parlando di scienza, Zoopiria (sperimentazione animale) con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Constitutional Renaissance Call

It is up to the states to fix it.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Casi paologici

Fatti, idee e situazioni più o meno paradossali

veterinarinliberta

Sotto il camice, una persona con i propri sogni e le proprie passioni

Futura Psi

Il blog di due studentesse di psicologia

Scholarly Open Access

Critical analysis of scholarly open-access publishing

Humble Nations

Kindle Ebook Pre-made Book Cover Design, Commissions and My Fiction

Il Blog del Ninth

Poche ragazze da quelle parti.

Lou Del Bello

science journalist

nonsolotopi

Quelli che cacciamo dalle case e sterminiamo nelle città sono modelli molto preziosi per la ricerca biomedica.

nopseudoscienze.wordpress.com/

Senza futuro, ma a Quark duro

LoSherpa

Non mi seguite... se vi perdete è colpa vostra

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA Esperta in Disturbi d'ansia-Attacchi di Panico e Psicologia della Coppia

sijmadicandhapajiee

Piccola bottega naturalistica

MEDICINA ONLINE

Salute del fisico, benessere della mente, bellezza del corpo a cura del dott. Emilio Alessio Loiacono

Io non ci volevo venire!

Non lo so, poi ci penso.

VersoErcole

il blog di Stefano Paparozzi

A sparkler in the dark

Pensieri, divulgazione e condivisione...

Io Non Faccio Niente

il blog di un ricercatore INFN

in italiano

Le parole sono suoni per coloro che non s'impegnano; sono il nome di esperienze per chi le vive (L. Giussani)

librerianatura

Sorridi! Sei sul miglior sito WordPress.com per acquistare e-book di argomento naturalistico

Mountain Bike Maintenance

Fix your own bike...

giornalismo & comunicazione...

... in agricoltura...

Nature's Poisons

Mother nature is out to get us

Lo Spirito Del Tempo

La difficoltà non sta nel credere alle nuove idee ma nel rifuggire dalle vecchie

Massimo D'Angeli

“When most people agree with you, worry” (“Quando la maggioranza delle persone concorda con te, preoccupati“) Julian Rappaport, psicologo

Wellcome Trust Blog

Life from a Wellcome Trust perspective

Stuff And Nonsense

Blogging about balderdash and baloney

Conferenza Nazionale sull'Energia

Energie per l'Italia del Futuro

Health & Family

A healthy balance of the mind, body and spirit

Bufale e Dintorni

Bufale e dintorni, ovvero notizie false, ingannevoli, phishing, scam, spam. Diffondere le bufale è inutile, irrazionale e in alcuni casi, pericoloso.

Catallassi

Riflessioni sulla complessità biologica, sintetica e sociale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: