Che lo vogliate o no

Benvenuti nell’inquietante mondo d’odio e disprezzo dell’anti-marketing.

hateing pigeon

Marketing

Quanti di voi conoscono Hymne, di Vangelis? Forse il nome non vi dirà molto, ma grazie a youtube non è difficile trovarla e ascoltarla.

Molti la riconosceranno: sì, è proprio la musica “di quella famosa pasta”.

Ci sono pubblicità che ci entrano in testa. Le riconosciamo subito dalla musica, oppure da un ritornello, spesso insignificante in sé stesso, ma in grado di diventare un vero tormentone. Come quello di un’acqua minerale pubblicizzata da un alpinista di fama internazionale.

Se ci fate caso, potete anche notare come spesso in queste pubblicità di successo, il prodotto venduto abbia un ruolo quasi marginale. Eppure questi spot si sono rivelati molto efficaci. Perché?

Il motivo per cui queste pubblicità funzionano così bene è noto ed ampiamente cercato e sfruttato nel marketing. Esse fanno leva su un meccanismo di apprendimento elementare, profondamente radicato nella nostra mente, così come in quella di tutti gli animali, a testimonianza di quanto sia antico e profondo il meccanismo psicologico su cui sono costruiti questi spot.

Queste pubblicità funzionano perché si appoggiano alla nostra tendenza a cercare le condizioni che già in passato ci hanno provocato sensazioni piacevoli. Ecco quindi che, passeggiando tra le corsie del supermercato, non appena il nostro occhio cade sul marchio o sul prodotto pubblicizzato, il nostro cervello rievoca in modo automatico le piacevoli sensazioni generate dalla pubblicità, che abbiamo visto magari diversi giorni prima.

Questo banale meccanismo psicologico, che lo vogliamo o no, ci spingerà a comprare proprio quel marchio, nella vana e inconsapevole illusione che ciò sia sufficiente a rendere reale l’artificiosa felicità di cui era intrisa la pubblicità.

È uno stratagemma pubblicitario usato in modo sistematico; magari poco sportivo, ma tutto sommato innocuo, purché applicato a merci prodotte con coscienza e serietà.

Anti-marketing

Purtroppo per noi il meccanismo può funzionare anche nella direzione opposta, cioè rendendoci ingiustamente diffidenti nei confronti di cose che, per quanto ne sappiamo, potrebbero addirittura essere largamente migliori delle loro alternative.

Anche questa specie di marketing inverso può essere sfruttato a scopi commerciali, ma il suo uso è quantomeno discutibile dal punto di vista etico, perché chi ne fa uso non trae vantaggio dal creare un’immagine positiva di sé. I fautori dell’anti-marketing traggono vantaggio dal generare odio e disprezzo nei confronti di altri. Questo pone l’anti-marketing, e soprattutto chi ne fa uso, in una posizione etica molto delicata.

Appello all’odio e alla paura

Nonostante ciò, ci sono trasmissioni televisive che, nel nome dell’audience, sembrano aver fatto di questo subdolo e moralmente discutibile appello alla paura, un vero e proprio format comunicativo.

Non le citerò esplicitamente, anche per non dar loro una visibilità in più che di certo non meritano (ne hanno già troppa). Vi lascio però un videoindizio, utile anche a metterci dell’umore giusto per affrontare gli ultimi paragrafi di questo post…😉

Ebbene sì: il modus operandi di certi programmi è proprio questo: suscitare emozioni negative – ad esempio raccontando la triste storia di un disabile – per poi accostare queste storie emozioni ad un bersaglio, ad esempio i sempre più ingiustamente bistrattati vaccini.

Il risultato è assicurato: chi seguirà il servizio finirà con l’associare al vaccino le brutte sensazioni evocate dalla malattia. Che lo voglia o no. Un vero e proprio marketing alla rovescia, basato sul dubbio, sul sospetto, sulla paura.

Notate come questo sia un meccanismo innato e automatico, che agisce su tutti noi indipendentemente dalla nostra volontà. Una volta che il meccanismo è scattato, inoltre, è molto difficile liberarsi dall’associazione emotiva che si è creata. Conoscere come stanno veramente le cose non è sufficiente a contrastare il fenomeno, perché esso agisce a un livello più profondo della consapevolezza razionale. Insomma, il danno è fatto, che lo si voglia o no.

Certi programmi TV non sono gli unici a fare ricorso sistematico a questo vero e proprio anti-marketing. Esso è diventato lo strumento principale di tutte le forme di propaganda: dalla politica, alle ideologie, alle cialtronerie di ogni specie, fino alle frodi vere e proprie.

Le vittime

Le vittime di queste vere e proprie campagne dell’odio sono tante. Oltre ai già citati vaccini, possiamo inserire nel nostro elenco (inevitabilmente incompleto):
– i farmaci in genere, e un po’ tutto il mondo della medicina
– la carne e i latticini
– gli OGM
– gli additivi alimentari
– i fertilizzanti
– gli antiparassitari usati in agricoltura (i fitofarmaci)
– l’energia nucleare
– la sperimentazione animale
– gli antibiotici
– le sostanze chimiche, e la chimica in genere

(se, indipendentemente dalla vostra opinione in merito, avete provato un senso di disagio per il solo fatto di aver letto uno o più degli elementi di questa lista, vuol dire che anche voi siete stati colpiti dall’anti-marketing. Benvenuti nel club! Vi posso assicurare che siamo in numerosa compagnia.)

Come difendersi?

baudelaireEbbene, un modo per difendersi forse c’è, e consiste proprio nell’ascoltare le nostre emozioni, quelle stesse emozioni che il cialtrone di turno vorrebbe reclutare per venderci la sua paccottiglia. O per farci odiare il suo personale nemico.

Ogni volta che ci rendiamo conto che qualcuno sta cercando di spingerci a provare odio o ribrezzo nei confronti di qualcosa (o di qualcuno!), partiamo dal presupposto che si tratti di un cialtrone; che stia ricorrendo a biechi sotterfugi per il semplice motivo che non ha argomenti concreti a disposizione.

E smettiemo di ascoltarlo; di leggerlo; di finanziarlo. O di votarlo.

§

Informazioni su WorldsOutsideReality

«Hold faithfulness and sincerity as first principles. Have no friends not equal to yourself. When you feel you have faults, do not hesitate to correct yourself.» (Confucius; Analects, 9.25)

Pubblicato il 27 giugno 2014, in Comunicare la scienza, Parlando di scienza, Sette No-Vax, Zoopiria (sperimentazione animale) con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Constitutional Renaissance Call

It is up to the states to fix it.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Casi paologici

Fatti, idee e situazioni più o meno paradossali

veterinarinliberta

Sotto il camice, una persona con i propri sogni e le proprie passioni

Futura Psi

Il blog di due studentesse di psicologia

Scholarly Open Access

Critical analysis of scholarly open-access publishing

Humble Nations

Kindle Ebook Pre-made Book Cover Design, Commissions and My Fiction

Il Blog del Ninth

Poche ragazze da quelle parti.

Lou Del Bello

science journalist

nonsolotopi

Quelli che cacciamo dalle case e sterminiamo nelle città sono modelli molto preziosi per la ricerca biomedica.

nopseudoscienze.wordpress.com/

Senza futuro, ma a Quark duro

LoSherpa

Non mi seguite... se vi perdete è colpa vostra

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA Esperta in Disturbi d'ansia-Attacchi di Panico e Psicologia della Coppia

sijmadicandhapajiee

Piccola bottega naturalistica

MEDICINA ONLINE

Salute del fisico, benessere della mente, bellezza del corpo a cura del dott. Emilio Alessio Loiacono

Io non ci volevo venire!

Non lo so, poi ci penso.

VersoErcole

il blog di Stefano Paparozzi

A sparkler in the dark

Pensieri, divulgazione e condivisione...

Io Non Faccio Niente

il blog di un ricercatore INFN

in italiano

Le parole sono suoni per coloro che non s'impegnano; sono il nome di esperienze per chi le vive (L. Giussani)

librerianatura

Sorridi! Sei sul miglior sito WordPress.com per acquistare e-book di argomento naturalistico

Mountain Bike Maintenance

Fix your own bike...

giornalismo & comunicazione...

... in agricoltura...

Nature's Poisons

Mother nature is out to get us

Lo Spirito Del Tempo

La difficoltà non sta nel credere alle nuove idee ma nel rifuggire dalle vecchie

Massimo D'Angeli

“When most people agree with you, worry” (“Quando la maggioranza delle persone concorda con te, preoccupati“) Julian Rappaport, psicologo

Wellcome Trust Blog

Life from a Wellcome Trust perspective

Stuff And Nonsense

Blogging about balderdash and baloney

Conferenza Nazionale sull'Energia

Energie per l'Italia del Futuro

Health & Family

A healthy balance of the mind, body and spirit

Bufale e Dintorni

Bufale e dintorni, ovvero notizie false, ingannevoli, phishing, scam, spam. Diffondere le bufale è inutile, irrazionale e in alcuni casi, pericoloso.

Catallassi

Riflessioni sulla complessità biologica, sintetica e sociale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: