La Teoria dell’Esercito di Cialtroni® (GTUC)

O Grande Teoria Unificata della Cialtroneria (GTUC)

Se frequentate il web, e specialmente se vi dilettate di sbufalamento, la conoscete di sicuro: la Teoria della Montagna di Merda® (TMM) di Uriel Fanelli (KeinPfusch). Può essere riassunta in poche parole: l’incompetenza costa molta meno fatica, tempo e denaro della competenza; per questo smentire le bufale è molto più lungo e faticoso che crearne di nuove. Ovvero, per citare le parole dello stesso Fanelli, «un idiota può produrre più merda di quanta tu non possa spalarne». Il paper originale di questa brillante ricerca non è più disponibile online, ma ne esistono delle copie, ad esempio qui.

Meno nota è invece la Teoria del Cipolla (TC), ovvero le «Leggi Fondamentali della Stupidità Umana», formulate da Carlo M. Cipolla, professore di storia economica a Berkeley. È una teoria molto articolata, che si sviluppa intorno a cinque leggi fondamentali; di queste la terza è un po’ il pilastro portante: «Una persona stupida è una persona che causa un danno ad un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita». La quinta legge è invece il punto di arrivo, il distillato finale della teoria: «La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista». Di questa teoria potete trovare una rapida sintesi qui. Una descrizione più dettagliata è disponibile sul sito del CEIFAN, mentre se l’argomento vi affascina, potete anche acquistare il libro originale del Professor Cipolla: Allegro ma non troppo.

Chi fa debunking ha quindi a disposizione due teorie che descrivono il mondo della cialtroneria. La TMM è utile a capire motivazioni e comportamenti del singolo fantomista, mentre la TC ci offre un quadro di insieme del fenomeno e delle sue implicazioni sociali.

Già, due teorie. A questo punto, in quanto scientisti, avrete sicuramente avuto una reazione un po’ simile a questa:

no such thing as a two

Due teorie per descrivere un fenomeno solo: la cialtroneria. Perchè non una teoria soltanto? È possibile formulare una teoria unica che descriva interamente il cialtronevo? Una sorta di Grande Teoria Unificata della Cialtroneria (GTUC)?

C’è un solo modo per saperlo: provarci.

Anzitutto bisogna trovare il punto di contatto tra la TMM, che si occupa di incompetenza, e la TC che tratta la stupidità. Che relazione c’è tra le due? È la stupidità a generare incompetenza, o è l’incompetenza a generare stupidità? O magari le due cose sono legate a doppio a filo, sono cioè due facce della stessa medaglia? La TC definisce la stupidità come la condizione che porta a prendere decisioni catastroficamente sbagliate, che danneggiano tutti. Che cosa può portare una persona a fare una scelta errata, se non l’incompetenza? All’interno della TMM stessa troviamo una brillante spiegazione del perché una decisione presa da un incompetente si rivelerà quasi certamente dannosa. Pigiando a caso i tasti di una macchina da scrivere, le probabilità di ottenere un pastrocchio privo di significato sono brobdingnagianamente maggiori di quelle di ottenere un poema epico in endecasillabi con rima incrociata. È il motivo per cui la Divina Commedia l’ha scritta Dante anziché un babbuino epilettico. Allo stesso modo, una decisione presa senza cognizione di causa, ovvero senza competenze, ha molte più probabilità di rivelarsi dannosa, cioè stupida, anziché intelligente.

C’è però un nodo da sciogliere: l’incompetente pigerà veramente i tasti a caso, dimostrandosi stupido, oppure, consapevole della sua incompetenza, si affiderà ad un letterato esperto, comportandosi quindi in modo intelligente? Ovvero: gli incompetenti tendono ad essere intelligenti o stupidi? Due ricercatori della Cornell University, Justin Kruger e David Dunning, si sono chiesti proprio questo, e nel 1999 ci hanno fornito la risposta. Purtroppo per noi detta risposta non è 42, ma è ciò che più temevamo: gli incompetenti tendono a non rendersi conto della loro incompetenza, ed è ragionevole aspettarsi che agiranno di conseguenza. È il ben noto effetto Dunning–Kruger.

Quindi sì, l’incompetente tende ad essere stupido. Possiamo perciò affermare che la stupidità descritta dalla TC e l’incompetenza descritta dalla TMM sono legate a doppio filo, sono cioè due facce della stessa medaglia.

La TC ci spiega che gli stupidi sono dannosi, e se applichiamo all’interno di essa la TMM, riusciamo anche a capire perché gli stupidi sono dannosi. Molto bene. C’è però ancora un aspetto del problema che la TC non chiarisce. Essa si limita a indicare gli scenari sociali possibili: quello in cui prevalgono le persone intelligenti, ovvero quelle che producono più vantaggi che danni, facendo prosperare la società; oppure quello nel quale a prevalere sono gli stupidi, che con la loro propensione clastica, condannano l’intera società al progressivo degrado. La TC però nulla ci dice su quali siano gli scenari sociali probabili, ovvero sull’effettiva prevalenza della stupidità (o dell’intelligenza) nelle società moderne. Cosa succede a questo proposito se applichiamo la TMM all’interno della TC?

Come già ricordato, il Principio Fondamentale della TMM è che l’incompetenza costa molta meno fatica, tempo e denaro della competenza. Se ci riflettete, questo è un principio veramente dirompente. Costo. Payoff. Payback. Payout. Se siete appassionati come me di Teoria dei Giochi (TdG) a questo punto sarete più o meno così:

mind blown

Ebbene sì: la TMM ci apre la strada per applicare la TdG alla stupidità, all’incompetenza, all’irrazionale; cioè per applicare la TdG all’interno della TC stessa. Più in generale, la TMM ci offre la chiave per usare da TdG al fine di costruire modelli sociali che tengono conto anche dei comportamenti irrazionali*. Ebbene, purtroppo per noi, proprio quello stesso Principio Fondamentale della TMM che ci ha aperto questa importante vi di indagine, ci pone anche di fronte ad una realtà cataclismica.

Essere ignoranti, incompetenti e quindi stupidi costa meno (molta meno) fatica, tempo e denaro, che essere istruiti. Essere stupidi è una strategia vantaggiosa (molto vantaggiosa), quindi vincente. Nelle società moderne è lo stupido a prevalere. Dai, diciamoci la verità, lo sapevamo già. È una di quelle cose così ovvie, evidenti e al contempo così inconcepibilmente spaventose, che il nostro cervello rifiuta di accettarle. Almeno fino a quando riesce a farlo, ecco.

Se ci pensate un attimo ancora (lo so, è terrificante, ma fate uno sforzo) noterete che tutto ciò altro non è se non il fondamento del Primo Principio della TC: «Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione».

Su, dai, non prendiamoci in giro. In fondo abbiamo sempre saputo anche questo.

George Carlin - stupidity

Ebbene sì, abbiamo chiuso il cerchio. Il Principio Fondamentale della TMM ci fornisce anche un nuovo pilastro per la TC. Di più, con la fusione di TMM e TC, grazie all’effetto Dunning-Kruger e alla Teoria dei Giochi, possiamo ora formulare un nuovo Principio Primo, da cui è possibile derivare entrambe le teorie.

Per ogni argomento concepibile, la maggioranza schiacciante è costituita da incompetenti.

Da questa semplice verità deriva la qui presente Teoria dell’Esercito di Cialtroni®: se ti senti circondato da stupidi, è perché le cose stanno proprio così.

E se provate a guardare alla politica italiana ed europea attraverso la lente di questo semplice principio, forse anche voi, come me, sentirete un brivido lungo la schiena.

E penserete che, in fondo, la Cristoforetti ci ha visto più lungo di noi.

Via dall’italia

* Qualcuno, anche personaggi illustri, sostiene che la TdG non possa trattare l’irrazionalità umana. Ovviamente dice così perché non ha capito la TdG.

§

Informazioni su WorldsOutsideReality

«Hold faithfulness and sincerity as first principles. Have no friends not equal to yourself. When you feel you have faults, do not hesitate to correct yourself.» (Confucius; Analects, 9.25)

Pubblicato il 11 dicembre 2014, in Comunicare la scienza, DibattitoScienza, Parlando di scienza con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Constitutional Renaissance Call

It is up to the states to fix it.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Casi paologici

Fatti, idee e situazioni più o meno paradossali

veterinarinliberta

Sotto il camice, una persona con i propri sogni e le proprie passioni

Futura Psi

Il blog di due studentesse di psicologia

Scholarly Open Access

Critical analysis of scholarly open-access publishing

Humble Nations

Kindle Ebook Pre-made Book Cover Design, Commissions and My Fiction

Il Blog del Ninth

Poche ragazze da quelle parti.

Lou Del Bello

science journalist

nonsolotopi

Quelli che cacciamo dalle case e sterminiamo nelle città sono modelli molto preziosi per la ricerca biomedica.

nopseudoscienze.wordpress.com/

Senza futuro, ma a Quark duro

LoSherpa

Non mi seguite... se vi perdete è colpa vostra

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA Esperta in Disturbi d'ansia-Attacchi di Panico e Psicologia della Coppia

sijmadicandhapajiee

Piccola bottega naturalistica

MEDICINA ONLINE

Salute del fisico, benessere della mente, bellezza del corpo a cura del dott. Emilio Alessio Loiacono

Io non ci volevo venire!

Non lo so, poi ci penso.

VersoErcole

il blog di Stefano Paparozzi

A sparkler in the dark

Pensieri, divulgazione e condivisione...

Io Non Faccio Niente

il blog di un ricercatore INFN

in italiano

Le parole sono suoni per coloro che non s'impegnano; sono il nome di esperienze per chi le vive (L. Giussani)

librerianatura

Sorridi! Sei sul miglior sito WordPress.com per acquistare e-book di argomento naturalistico

Mountain Bike Maintenance

Fix your own bike...

giornalismo & comunicazione...

... in agricoltura...

Nature's Poisons

Mother nature is out to get us

Lo Spirito Del Tempo

La difficoltà non sta nel credere alle nuove idee ma nel rifuggire dalle vecchie

Massimo D'Angeli

“When most people agree with you, worry” (“Quando la maggioranza delle persone concorda con te, preoccupati“) Julian Rappaport, psicologo

Wellcome Trust Blog

Life from a Wellcome Trust perspective

Stuff And Nonsense

Blogging about balderdash and baloney

Conferenza Nazionale sull'Energia

Energie per l'Italia del Futuro

Health & Family

A healthy balance of the mind, body and spirit

Bufale e Dintorni

Bufale e dintorni, ovvero notizie false, ingannevoli, phishing, scam, spam. Diffondere le bufale è inutile, irrazionale e in alcuni casi, pericoloso.

Catallassi

Riflessioni sulla complessità biologica, sintetica e sociale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: