Salvate il robot puccioso

Il comune denominatore di tutta la propaganda animalara è che nei laboratori e negli allevamenti gli animali vivano una vita d’inferno. Sembrerebbe che un animale possa star bene solo sul divano di casa, e tutta l’iconografia della propaganda animalara è improntata su questo principio. È davvero così? Per capire se e quando un animale sta bene, possiamo davvero fidarci ciecamente della nostra “pancia”?

Sono molte le sciocchezze dette da Edoardo Stoppa nei suoi servizi sui quattro macachi dell’Università La Sapienza di Roma. Trovate una carrellata delle più importanti in questo video e in quest’altro.

Ve n’è però una ch’è subdola più dell’altre, poiché di rado viene affermata in modo esplicito. Si preferisce piuttosto lasciarla sottintesa; una vera e propria premessa implicita, cosa ch’è a tutti gli effetti una tecnica di manipolazione del consenso.

Questa premessa consiste nel sostenere che gli animali da laboratorio siano sottoposti a indicibili sofferenze, fin dagli allevamenti che li fanno nascere. Tutta l’iconografia della propaganda animalara è incentrata su questa premessa.

È davvero così? Gli animali da laboratorio stanno veramente così male? Sempre e ovunque?

Per provare a riflettere su questo aspetto, che certo non è di secondaria importanza, vi propongo anzitutto questo video, che ho trovato divertente ma al contempo un po’ inquietante. In particolare, prestate attenzione alle emozioni ch’esso suscita.

Cosa c’entra questo video con la zoopiria? Quelli sono robot. Non si possono maltrattare i robot, se non in senso strettamente meccanico.

Ebbene, è proprio questo il punto.

Il video è stato montato come se fosse un video di denuncia di maltrattamenti di robot. Sono molti gli stratagemmi usati dal regista per ottenere questo risultato: le inquadrature ad altezza “occhi” del robot ci spingono ad empatizzare con la macchina; gli umani che entrano ed escono dall’inquadratura senza che se ne veda il volto, disumanizzandoli; e naturalmente le musiche, la scelta degli spezzoni, il montaggio e l’uso sapiente dei rallenty.

Nonostante sappiamo trattarsi solo di macchine, non possiamo fare a meno di empatizzare in qualche misura con esse. È nella natura umana.

La tentazione di attribuire motivazioni umane ad un comportamento osservato negli animali è sempre in agguato.

La tentazione di attribuire motivazioni umane ad un comportamento osservato negli animali è sempre in agguato.

Il fatto che questo video sia in certa misura anche divertente è dovuto proprio al contrasto cognitivo tra la nostra mente razionale, che sa trattarsi di automi, e la nostra “pancia” che non può fare a meno di reagire empaticamente. Ovvero come se noi fossimo al posto di quelle macchine.

Cosa ci insegna quindi questo filmato?

Ci insegna che su certe cose non possiamo fidarci ciecamente della nostra pancia. Se lasciamo fare a lei soltanto, corriamo il rischio d’ingannare noi stessi, invocando pietà quando non ve n’è bisogno, o non vedendone la necessità quando servirebbe.

Soprattutto se immagini e filmati sono confezionati appositamente per evocare tali sensazioni, come nell’esempio dei robot. O come nei filmati di Edoardo Stoppa.

Sia chiaro che ciò vale in entrambe le direzioni. La nostra pancia, da sola, non ci dà indicazioni attendibili sulle situazioni di maltrattamento né su quelle di benessere.

Siamo sicuri che il cagnolino che passa le sue giornate a mendicare cibo, poi rifiutandolo per non perdere le attenzioni del padrone, viva una vita serena e felice?

Siamo sicuri che i macachi del professor Caminiti stiano davvero così male?

Soprattutto: siamo sicuri che, in caso venissero “liberati” andrebbero a stare meglio?

Non è stato così per i topi rubati all’Università di Milano e anche per i cani rubati a Green Hill qualche dubbio è legittimo. I macachi sono ben più difficili da gestire di topi e cani, e ci sono anche dei precedenti atroci. Chi se la sentirebbe di scommettere?

Per fortuna degli animali, i ricercatori sono ben consapevoli di quanto possa essere complicato garantire il loro benessere psicofisico, cosa peraltro indispensabile alla buona riuscita di ogni esperimento.

Per questo esistono opportune specializzazioni, leggi severe, e veri e propri santuari per animali da laboratorio in pensione. Ne parlano più approfonditamente in questo articolo pubblicato da Italia Unita per la Scienza.

Non esistono scorciatoie: per evitare di fare danni non basta la “pancia” e neppure il “buonsenso”, perché niente è scontato. Bisogna collegare il cervello.

§

«La visione superficiale che vede come degno nella natura solo quello che ci assomiglia, sembra quindi priva di senso e meschina. Noi definiamo l’intelligenza e i sentimenti in termini umani, e così facendo ci precludiamo la possibilità di vedere il prodigio della diversità della vita che l’evoluzione ha forgiato sulla terra. L’intelligenza che ogni specie dispiega è già abbastanza meravigliosa in sé stessa; è stupidaggine e antropomorfismo della peggior specie insistere che per essere veramente meravigliosi bisogna essere come noi.» Stephen Budiansky – Se un leone potesse parlare

«La visione superficiale che vede come degno nella natura solo quello che ci assomiglia, sembra quindi priva di senso e meschina. Noi definiamo l’intelligenza e i sentimenti in termini umani, e così facendo ci precludiamo la possibilità di vedere il prodigio della diversità della vita che l’evoluzione ha forgiato sulla terra. L’intelligenza che ogni specie dispiega è già abbastanza meravigliosa in sé stessa; è stupidaggine e antropomorfismo della peggior specie insistere che per essere veramente meravigliosi bisogna essere come noi.»
Stephen Budiansky – Se un leone potesse parlare

 

§

Informazioni su WorldsOutsideReality

«Hold faithfulness and sincerity as first principles. Have no friends not equal to yourself. When you feel you have faults, do not hesitate to correct yourself.» (Confucius; Analects, 9.25)

Pubblicato il 11 marzo 2015, in Parlando di scienza, Zoopiria (sperimentazione animale) con tag , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Constitutional Renaissance Call

It is up to the states to fix it.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Casi paologici

Fatti, idee e situazioni più o meno paradossali

veterinarinliberta

Sotto il camice, una persona con i propri sogni e le proprie passioni

Futura Psi

Il blog di due studentesse di psicologia

Scholarly Open Access

Critical analysis of scholarly open-access publishing

Humble Nations

Kindle Ebook Pre-made Book Cover Design, Commissions and My Fiction

Il Blog del Ninth

Poche ragazze da quelle parti.

Lou Del Bello

science journalist

nonsolotopi

Quelli che cacciamo dalle case e sterminiamo nelle città sono modelli molto preziosi per la ricerca biomedica.

nopseudoscienze.wordpress.com/

Senza futuro, ma a Quark duro

LoSherpa

Non mi seguite... se vi perdete è colpa vostra

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA Esperta in Disturbi d'ansia-Attacchi di Panico e Psicologia della Coppia

sijmadicandhapajiee

Piccola bottega naturalistica

MEDICINA ONLINE

Salute del fisico, benessere della mente, bellezza del corpo a cura del dott. Emilio Alessio Loiacono

Io non ci volevo venire!

Non lo so, poi ci penso.

VersoErcole

il blog di Stefano Paparozzi

A sparkler in the dark

Pensieri, divulgazione e condivisione...

Io Non Faccio Niente

il blog di un ricercatore INFN

in italiano

Le parole sono suoni per coloro che non s'impegnano; sono il nome di esperienze per chi le vive (L. Giussani)

librerianatura

Sorridi! Sei sul miglior sito WordPress.com per acquistare e-book di argomento naturalistico

Mountain Bike Maintenance

Fix your own bike...

giornalismo & comunicazione...

... in agricoltura...

Nature's Poisons

Mother nature is out to get us

Lo Spirito Del Tempo

La difficoltà non sta nel credere alle nuove idee ma nel rifuggire dalle vecchie

Massimo D'Angeli

“When most people agree with you, worry” (“Quando la maggioranza delle persone concorda con te, preoccupati“) Julian Rappaport, psicologo

Wellcome Trust Blog

Life from a Wellcome Trust perspective

Stuff And Nonsense

Blogging about balderdash and baloney

Conferenza Nazionale sull'Energia

Energie per l'Italia del Futuro

Health & Family

A healthy balance of the mind, body and spirit

Bufale e Dintorni

Bufale e dintorni, ovvero notizie false, ingannevoli, phishing, scam, spam. Diffondere le bufale è inutile, irrazionale e in alcuni casi, pericoloso.

Catallassi

Riflessioni sulla complessità biologica, sintetica e sociale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: