Cervelli che vanno, furbastri che restano

Andreste a lezione di cucina da qualcuno che ha fatto carriera usando consapevolmente e sistematicamente degli ingredienti adulterati, al solo scopo di rendere le proprie ricette “più appetibili”? Soprattutto, fareste giudicare a lui la vostra preparazione?

Probabilmente no. Eppure le studentesse e gli studenti di medicina veterinaria della Federico II di Napoli si trovano di fronte ad una situazione del genere. Un professore di questa facoltà, assieme a tutto il suo team, è stato riconosciuto colpevole di avere alterato a colpi di photoshop i risultati dei propri esperimenti, in modo da ottenere il risultato (falso) che desiderava. Ci hanno costruito una carriera su questi dati falsi. Sono andati anche a relazionare in Parlamento, che sulla base di questi dati falsi, ha poi preso decisioni di una certa rilevanza.

Se volete saperne di più su quali dati sono stati alterati e perché, potete cominciare leggendo questa riflessione di Davide Ederle.

books-1012088_640

In questo mio sfogo mi vorrei invece concentrare sulle studentesse e sugli studenti che ora si trovano ad essere giudicati da un personaggio che non credo sia eticamente in posizione tale da giudicare alcuno. Con che spirito frequenteranno il corso, studieranno, andranno a sostenere l’esame?

Perché il punto è che a questo team di docenti e ricercatori, ora che sono stati scoperti, hanno tirato le orecchie.

Ma li hanno lasciati dove sono.

Continueranno a percepire uno stipendio, e a spendere i soldi dei contribuenti per fare ricerca. Oh, certo, due di loro saranno supervisionati, per i prossimi due anni. Gli altri nove a quanto pare neppure quello.

Se questo succedesse nell’università che frequento io, me ne andrei. Non me la sentirei di avere sul mio curriculum un titolo di studio conseguito in un’università che tiene in così poco conto l’integrità accademica e l’onestà intellettuale dei suoi docenti e ricercatori.

Contemporaneamente a questa kafkiana vicenda, apprendo anche che dei trenta ricercatori italiani che hanno vinto borse di ricerca milionarie dalla UE (quelle dello European Research Council), più della metà andranno – o rimarranno – all’estero. L’anno scorso non era andata molto meglio.

I cervelli vanno, i furbacchioni restano. Questione di priorità politiche, immagino.

E il Ministro è felice.

Anzi, no: esprime apprezzamento. Sì, apprezza che le ricercatrici e i ricercatori italiani che si guadagnano i fondi di ricerca, se ne debbano andare all’estero, magari proprio perché l’università italiana preferisce tenersi ben stretti i maneggioni che truccano i risultati.

La Ministro esprime apprezzamento, perché tanto i soldi non sono i suoi (indovinate di chi sono?). Sopratutto perché la dignità non è la sua.

Dulcis in fundo, potevano forse mancare gli sciacalli? Quelli che accusano ricercatrici e ricercatori di essere loro la causa della decadenza dell’università italiana, poiché rei di essere “fuggiti senza combattere”, di “sputare nel piatto in cui hanno mangiato”. Ovvio che no, non potevano mancare. Io non ho guardato il curriculum di questi sedicenti Paladini della Scienza e della Ricerca Italiane, ma immagino che per scrivere ciò che hanno scritto abbiano alle spalle carriere strabilianti, fatte di sanguinose battaglie contro raccomandazioni, nepotismi e baronie assortite. E che tengano sul caminetto una collezione di teste di furbacchioni che truccano i dati per fare carriera.

Altrimenti non si permetterebbero mai di scrivere certe cose, giusto?

A noi comuni mortali, invece, non resta altro da fare che firmare una petizione per ridare alla ricerca italiana almeno un briciolo di fondi. Non penso che basti, ma bisogna pur iniziare da qualche parte.

Informazioni su WorldsOutsideReality

«Hold faithfulness and sincerity as first principles. Have no friends not equal to yourself. When you feel you have faults, do not hesitate to correct yourself.» (Confucius; Analects, 9.25)

Pubblicato il 16 febbraio 2016, in DibattitoScienza, OGM, Parlando di scienza con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

The Constitutional Renaissance Call

It is up to the states to fix it.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Casi paologici

Fatti, idee e situazioni più o meno paradossali

veterinarinliberta

Sotto il camice, una persona con i propri sogni e le proprie passioni

Futura Psi

Il blog di due studentesse di psicologia

Scholarly Open Access

Critical analysis of scholarly open-access publishing

Humble Nations

Kindle Ebook Pre-made Book Cover Design, Commissions and My Fiction

Il Blog del Ninth

Poche ragazze da quelle parti.

Lou Del Bello

science journalist

nonsolotopi

Quelli che cacciamo dalle case e sterminiamo nelle città sono modelli molto preziosi per la ricerca biomedica.

nopseudoscienze.wordpress.com/

Senza futuro, ma a Quark duro

LoSherpa

Non mi seguite... se vi perdete è colpa vostra

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA Esperta in Disturbi d'ansia-Attacchi di Panico e Psicologia della Coppia

sijmadicandhapajiee

Piccola bottega naturalistica

MEDICINA ONLINE

Salute del fisico, benessere della mente, bellezza del corpo a cura del dott. Emilio Alessio Loiacono

Io non ci volevo venire!

Non lo so, poi ci penso.

VersoErcole

il blog di Stefano Paparozzi

A sparkler in the dark

Pensieri, divulgazione e condivisione...

Io Non Faccio Niente

il blog di un ricercatore INFN

in italiano

Le parole sono suoni per coloro che non s'impegnano; sono il nome di esperienze per chi le vive (L. Giussani)

librerianatura

Sorridi! Sei sul miglior sito WordPress.com per acquistare e-book di argomento naturalistico

Mountain Bike Maintenance

Fix your own bike...

giornalismo & comunicazione...

... in agricoltura...

Nature's Poisons

Mother nature is out to get us

Lo Spirito Del Tempo

La difficoltà non sta nel credere alle nuove idee ma nel rifuggire dalle vecchie

Massimo D'Angeli

“When most people agree with you, worry” (“Quando la maggioranza delle persone concorda con te, preoccupati“) Julian Rappaport, psicologo

Wellcome Trust Blog

Life from a Wellcome Trust perspective

Stuff And Nonsense

Blogging about balderdash and baloney

Conferenza Nazionale sull'Energia

Energie per l'Italia del Futuro

Health & Family

A healthy balance of the mind, body and spirit

Bufale e Dintorni

Bufale e dintorni, ovvero notizie false, ingannevoli, phishing, scam, spam. Diffondere le bufale è inutile, irrazionale e in alcuni casi, pericoloso.

Catallassi

Riflessioni sulla complessità biologica, sintetica e sociale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: